Communautés catholiques en Algérie

Communautés masculines   Communautés féminines Mouvements et associations
 
  • Filles de la Charité
  • Filles de Notre Dame d'Afrique
  • Filles du Coeur Immaculé de Marie (Mali)
  • Institut des Soeurs de Saint Joseph
  • Institut du Christ Roi
  • Ordo Virginum
  • Petites Soeurs de Jésus
  • Petites Soeurs des Pauvres
  • Petites Soeurs du Sacré Coeur
  • Religieuses de Notre Dame des Apôtres
  • Soeurs Augustines Missionnaires
  • Soeurs Blanches (SMNDA)
  • Soeurs de la Doctrine Chrétienne
  • Sœurs de l'Annonciation de Bobo-Dioulasso (SAB)
  • Sœurs de Notre-Dame de la Salette (El-Ménéa)
  • Sœurs de Notre-Dame du Lac (Timimoun)
  • Soeurs de Saint Augustin
  • Soeurs du Coeur Immaculé de Marie Réparatrice
  • Soeurs Franciscaines M. de Marie (FMM)
  • Soeurs Maristes
  • Soeurs Missionnaires de la Charité (Mère Teresa)
  • Soeurs Salésiennes

 

LA STAMPA: Martiri d’Algeria, il postulatore: “Beati del dialogo e della semplicità”

Revue de presse
Typography

La vicenda dei 19 cristiani uccisi nel corso della guerra civile in Algeria che l’8 dicembre saranno beati, raccontata da padre Thomas Georgeon

«A distanza di oltre 20 anni, tantissima gente, in gran parte di fede islamica, continua a recarsi in pellegrinaggio sulle tombe dei cristiani assassinati in Algeria. C’è una forma quasi di devozione, di riconoscenza verso questi martiri in mezzo a un popolo martirizzato, algerini con gli algerini».

«Il vescovo di Orano Pierre Claverie, ucciso il 1 agosto del 1996, per esempio, era davvero un uomo del dialogo, un uomo che cercava di fare crescere tutti coloro che incontrava. Era un vero pastore. Il giorno dei suoi funerali, ricordo una donna musulmana che continuava a ripetere “hanno ammazzato il nostro Vescovo”. Tutti i 19 martiri hanno scelto di condividere la vita del popolo, non potevano e non volevano andare via. Quando vedo l’impegno delle autorità algerine per preparare la cerimonia di beatificazione, penso che sia un segno chiaro di come queste donne e questi uomini siano ormai percepiti come parte della storia del Paese».

Lire l'article